it was a dark and stormy day

chromatacia is a future society that exists five hundred years after the collapse of our own future civilization… all life is governed by the rules as laid down by munsell, the founder of chromatacia. most important of all is the ability to see color, which is limited in most people to varying degrees of one shade, e.g., red, or at most two. people without the ability to see any natural color are called greys and are lowest in the social order, or colortocracy.


immagine di mypixbox pubblicata su flickr con licenza creative commons

alla giornata grigia fece fortunatamente emenda una costadorata bottiglia di a.-f. gros, un beaune premier cru le montrevenots 2002 di carnosa sostenutezza.

ma che c’entra quel “^”?

già basterebbe il nome della cantina – ciù ciù –  e l’inutilerrato circonflesso di oppîdum per dubitare: e invece questo montepulciano offidano – sulla carta d’identità marche i.g.t. – dal color prugnaceo intenso, legnoso ma non indisponente, morbido e appropriatamente alcolico a 14,5, nell’annata 2002 mi sconfiffera assai.

quanto vale questo sito?

(che sciocchezza…)

http://www.urlappraisal.net –> $ 8,044.16
http://sitevaluecheck.com –> $1,626
http://bizinformation.org/it –> € 1.095,28
http://www.dnscoop.com –> $ 732
http://www.business-opportunities.biz/projects/how-much-is-your-blog-worth/submit –> $ 564.54
http://www.sitevaluecalculator.com –> $ 520
http://ninjawebsiteappraiser.com –> $ 86
http://stimator.com –> $ 71
http://www.mywebsiteworth.com –> $ 10
http://www.worth.im –> $ 10

chissà perché

trovo congruo e del tutto confacente l’abbinamento fra l’emozione visuale di questa foto (mica view trail nel saguaro national park east in tucson, arizona)

immagine di saguaro pictures pubblicata su flickr con licenza creative commons

e l’emozione sensoriale dell’armonioso sauvignon ronco del cerò 2008 di venica & venica

colori

mutanti,  stranianti, perplimenti.

immagine di rossogiallobianco pubblicata su flickr con licenza creative commons

eggià, figurati scrivere:
…un vecchio falegname, il quale aveva nome mastr’antonio, se non che tutti lo chiamavano maestro ciliegia, per via della punta del suo naso, che era sempre lustra e paonazza, come una ciliegia matura….
se la ciliegia non fosse rossa, di quel rosso – appunto – ciliegia, cioè cerasuolo.

ecco, qui siamo giunti, squallidamente e non callidamente, per dire del montepulciano d’abruzzo cerasuolo baldovino 2008 della tenuta i fauri, fruttato quanto non mai e che pochi giorni fa ha allietato un pranzo amicale.