fido… bau?

purtroppo no.

fido bau era un cartone di cinquant’anni fa che pubblicizzava il borotalco® – cioè il talco della manetti&roberts

httpv://www.youtube.com/watch?v=se56pG95wEQ

il fido che ho in mente io è il cosiddetto cellulare dei poveri, la rete che telecom realizzò nella seconda metà anni novanta, un progetto demenziale costato oltre 1.500 miliardi dell’epoca e ben presto abortito; del quale restano spoglie sparse qua e là per il paese.

IMG_0870

 

sangiovese bolognese

la doc sangiovese a bologna non esiste;  esiste la doc sangiovese di romagna che copre quasi sette comuni della provincia; sette comuni di cui la maggior parte romagnoli, cioè di là dal sìllaro.

in quel di panìco, comune di marzabotto, verso i contrafforti dell’appennino, c’è una enclave benedetta dal sole di cui già ti ho parlato: quivi l’azienda folesano ha recuperato vecchie vigne di sangiovese ormai centenarie e questo è il risultato, poco più di seimila bottiglie di dolci profumi e tannini gentili.

non è doc, e chissene.