chissà come sarebbe #2

 

un anno fa avevo scritto la prima parte  (chissà come sarebbe) lasciandolo lì nella notte, sul treno che corre verso il confine; oggi provo a continuarlo.

* * *

intorno alle 8,30 arriverò a vienna, non più alla südbahnhof, che sarà di lì a poco demolita, ma alla stazione di meidling – philadelphiabrücke.

troverò la neve e circa cinque ore di attesa per la coincidenza: che fare per vivere un po’ la città ma senza lasciarsi troppo coinvolgere dalla mattina natalizia?

la scelta è semplice: seppellirsi in un caffè. piglierò il tram n. 62 – più per snobismo che per pigrizia – fino all’opera

poi, a piedi,  lemme lemme mi allungherò fino a demel

dove, comodamente seduto fra legni, ori e velluti non rinuncerò ad una fetta di sacher ed un caffè.

sarò per tempo – ma tanto il biglietto è fatto – al binario 5, per salire sull’eurocity EC 102;

l’orario è, più o meno, quello della carrozza ristorante, dove mangerò una calda žurek (zuppa di farina di segale con panna acida e salsiccia) declinando con un sorriso l’offerta di spaghetti neapolitana.

tornerò nella carrozza di seconda, dove la gente – poca – si scambia auguri più o meno espliciti; mi limiterò a sguardi e sorrisi, un po’ sonnecchierò anche a causa di quelle due bottiglie di piwo warna.

il treno corre sotto un cielo plumbeo

attraversando paesi e confini senza gran disturbo (grazie schengen!): sbarcherò a warszawa centralna verso le 9 e mezza di sera

e subito mi fionderò in quella trattoria per una porzione di bigos

che mi zavorrerà adeguatamente per la notte che incombe.

continua…forse

Un pensiero su “chissà come sarebbe #2

  1. Pingback: chissà come sarebbe #3: the end | vita, e altre cose

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.