e chi se ne frega! (direte voi)

di lunedì sera tengo – ancora – allenamento di basket.
a dir la verità l’allenamento è decisamente sui generis, perché si passa subito dal riscaldamento più o meno prolungato (dipende dall’ora di arrivo dei compari e quindi della formazione del quorum) alla partitella, inframmezzando con sfottò vari sui risultati delle squadre del cuore, cioé virtus e fortitudo.

tornato a casa – e sono ormai le 22,30 – assetato più che affamato, la sorpresa: appena tiepida la crema di zucca, con carote, cipolla, zenzero e succo di clementine: vi annego i crostini e ne faccio fuori, di vero gusto, due piatti.

non so fino a che punto l’abbinamento con lo stagionato pecorino calabrese, a fettine sottilissime, sia conforme ai sacri canoni;
questa è la mia appetitosa cena, punteggiata dal secco fiano di avellino 2005 di terredora.

ricettina per 4 persone.
600 g di polpa di zucca pulita e tagliata a tocchetti, 6 carote medie, 2 cipolle ramate, 1 litro di buon brodo vegetale preparato con verdure fresche, 1 cucchiaio di olio extra vergine d’oliva, 2 cucchiai colmi di zenzero grattugiato, 2 cucchiaini di scorza di clementina (non trattata) e il succo del frutto, sale q.b., qualche fogliolina di coriandolo per decorare.
1. lavate, raschiate le carote, tagliatele a tocchetti e mettetetele in una pentola con la zucca, le cipolle sbucciate e afettate e 8 dl di brodo. coprite e fate cuocere, a fiamma bassa, per circa 20 minuti.
2. frullate, aggiungendo, se necessario, altro brodo. la minestra deve restare mediamente cremosa. unite lo zenzero, l’olio, aggiustate di sale, e proseguite la cottura per altri 7-8 minuti. appena prima di spegnere unite il succo di clementina. controllate nuovamente il sale.
3. servite la minestra decorando con una spolveratina di scorza di clementina grattugiata e qualche fogliolina di coriandolo.
4. potete aumentare la quantità di zenzero (sopratutto se desiderate usare la minestra a scopi antinfluenzali) e/o variare la quantità di di scorza di clementina, o unire un pizzico di cannella. ottima l’aggiunta di crostini di pane tostati e strofinati con un limone.
questa la ricetta originale da “cucina naturale”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.