le coccole del viandante

a volerci credere, nasceva come  pranzo di lavoro.

a rubiera, non nelle sale ma sul terrazzo dell’antico forte aggredito da un sole quasi primestivale, il genius loci dell’osteria del viandante si palesa senza necessità di invocazioni.

due polpettine per cominciare: si dìsfano in bocca butirrosamente.

dalla carta c’aveva subito attratto la passatina di patate e porri, inseminata di pancettina croccante.

come transitare verso il piatto forte: senza passare dal via, ma con prosciutto e tosone fritto e giardiniera soave; ti prego, amico mio, di comparare le pantoniche nuances del prosciutto e del rosé.

ed ecco, in pluriammonita piccola porzione (questa è la dose per due) la ciccia: mirabolante taglio di spalla di fassona.

e la pietra ardente, nevicata di salina, per la cottura a piacere

questa è la rara cottura

(la misticanza revisionale non fu ripresa, ma c’era, e buona.)

a tutto pasto l’alsaziano rosé brut da pinot noir 100% di emile kugler, come la benemerita.

fragole e uva e cincinino di crema conchiusero l’incontro.

col lieve moscato d’asti la caliera di borgo maragliano.

parole non ci appulcro, amico mio: e per questo quasi non spiccicai verbo, incantato dalle coccole di dolores, roberto e mauro.

alto adige o alsazia

that is the question.

e per non saper né leggere né tampoco scrivere, rinunceremo a scegliere.

da una parte il gewürztraminer 2007 della cantina tramin di termeno (che sarebbero la stessa cosa, ma pazienza)

e dall’altra il gewurztraminer alsace grand cru hengst 2005 del domaine zind humbrecht

non ci sono vincitori né vinti: entrambi furono, a suo tempo, massimamente graditi: eguali non erano ma, a ben vedere, importa davvero?